Appuntamento con la Gioeubia per giovedì 25 gennaio - Varese News

17/01/2007 23:06

Ad accompagnare il tradizionale "rogo della vecchia" non mancheranno le classiche pentolate di polenta e bruscitti con buon vino rosso e sconti nei negozi

immagine di separazione

Gennaio è tempo di Gioeubia, la tradizione più pagana, e insieme più sacra, della città di Busto Arsizio. L'amministrazione comunale, in collaborazione con Ascom (rappresentata oggi dal vicedirettore Francesco Dallo) e Magistero dei Bruscitti (presieduto da Ernani Ferrario), anche quest'anno organizza l'evento al meglio, consapevole di quanto i bustocchi amino ritrovarsi per questo rito collettivo dal significato antichissimo, che vuole celebrare l'atto di lasciarsi alle spalle l'inverno. Premesso che quest'anno che fosse inverno ce ne siamo accorti un giorno sì e quattro no, chiunque abbia voglia di scaldarsi al fuoco della Gioeubia troverà un'organizzazione ormai collaudata. Come rilevava con soddisfazione, presentando l'evento, l'assessore allo sport e grandi eventi Ivo Azzimonti, «è in crescita il numero dei partecipanti agli eventi che vedono la nostra migliore tradizione per protagonista. Basti vedere il succeso del corso di cucina bustocca, passato da 14 a 155 iscritti in un anno; e anche la Famiglia Bustocca vede aumentare i suoi soci».

Dopo la memorabile edizione dello scorso anno sotto la tormenta di neve (vedi galleria fotografica), quest'anno si bissa, probabilmente senza la suggestione della neve - in caso di maltempo si andrà di nuovo sotto i portici - ma con abbondanza di libagioni: polenta e bruscitti in dosi industriali (non meno di 2000-2500 porzioni, che saranno distribuite in piazza Garibaldi), preparati dai cuochi del Comitato Commercianti Centro Cittadino, presieduto da Rudy Collini, e vino rosso a fiumi (che si potrà "attingere" in piazza San Giovanni). Per il terzo anno di fila si rinnoverà inoltre l'offensiva commerciale di Ascom, "la Gioeubia brucia i prezzi": da lunedì 22 gennaio sconti in merce pari al 20% di quanto acquistato su vari prodotti, soprattutto quelli gastronomici, presso i negozi aderenti, riconoscibili dall'apposita vetrofania. I negozi restareanno aperti fono alle 20,30 giovedì 25.

Come sempre, le varie Gioeubie create per l'occasione faranno bella mostra di sè in piazza Santa Maria prima di essere portate a destinazione, in piazza Venzaghi, dove alle ore 19 di giovedì 25 saranno bruciate. Ma non sarà l'unico falò: altri si accenderanno alla stessa ora in via Alberto da Giussano, alle 19,30 presso la Chiesa del SS. Redentore, alle 20,45 in via per Lonate, alle 21 da Comunità Giovanile in vicolo Carpi, in questo caso con tanto di musica di musica dialettale e vin brulé. Contestualmente al rogo principale in centro, l'amministrazione comunale distribuirà libretti recanti notizie sulla tradizione della Gioeubia e le ricette autentiche dei bruscitti e del risotu cunt'a luganiga (riso e salsiccia). Come ricordava poi Gianfranco Piran, storico macellaio del centro, è uscito recentemente in ristampa il libro sulla vera storia della Gioeubia dalle origini agli anni Settanta: edito in un migliaio di copie, lo si può trovare in libreria o dallo stesso Piran in cambio di un'offerta, che andrà a rimpinguare il fondo per il restauro dell'organo seicentesco della chiesetta di Sant'Antonio, danneggiato l'estate scorsa durante un temporale.

Back

Search site

Distretto del Commercio di Busto Arsizio - Varese - Lombardia - Italia © 2010-2016 Tutti i diritti riservati.

Distretto del Commercio di Busto Arsizio - Varese - Lombardia