Distretto commerciale urbano, dopo il centro i quartieri

06/08/2009 12:52

Ascom e amministrazione continuano a lavorare per ottenere finanziamenti dalla Regione. Dopo quelli ottenuti per i negozi del centro ora si guarda alla periferia. Sicurezza, mobilità e marketing del territorio gli obiettivi

immagine di separazione

Distretto del commercio avanti tutta dal centro ai quartieri. Se la prima tranche di finanziamenti per gli interventi dei commercianti è ormai in dirittura d'arrivo il presidente di Ascom Busto Arsizio Romeo Mazzuchelli guarda già ai prossimi bandi e strizza l'occhio ai commercianti dei quartieri che compongono Busto: «Non ci siamo dimenticati dei colleghi che lavorano a Borsano, Sacconago, Beata Giuliana e negli altri rioni - spiega Mazzuchelli - i prossimi bandi coinvolgeranno anche loro». Se per i negozi del centro le iniziative non mancano nelle zone periferiche le iniziative e le agevolazioni scarseggiano per il momento e anche l'assessore allo sviluppo economico Franco Castiglioni è d'accordo: «da settembre inizierà un tour dell'assessorato nelle zone periferiche per stilare una lista dei desiderata sia dal punto di vista della mobilità che da quello del marketing e della sicurezza».

Busto Arsizio, infatti, ha ottenuto molto dalla crezione del distretto classificandosi
prima in Lombardia nel bando regionale che metteva sul piatto oltre 20 milioni di euro in tutto: «Arrivare primi non è stato facile - ammette Mazzuchelli - pur avendo già una forte base di partenza con il comitato dei commercianti del centro, le iniziative legate al giovedì sera con i negozi aperti e il centro pedonale. Ora dobbiamo lavorare con la stessa forza con i commercianti dei quartieri». Per questo è stata creata una commissione dei distretti e dei quartieri che coinvolge l'amministrazione, le associazioni dei commercianti, le banche: tutti i soggetti protagonisti di questa operazione che porterà un po' di ossigeno alle attività commerciali che nei mesi scorsi si sono adoperati per migliorare il proprio punto vendita rinnovando i locali o ampliando. In un momento di crisi come questo è vera manna dal cielo.

Dopo il mese di agosto si tornerà, dunque, a lavorare per ottenere ancora fondi dalla Regione Lombardia e ampliare il raggio d'azione del distretto bustocco, se possibile anche ai paesi limitrofi: «Come Ascom di Busto Arsizio abbiamo competenza anche sui paesi attorno e non intendiamo fermarci ai confini della città principale della zona» - ricorda Mazzuchelli. A settembre la commissione tornerà a lavorare sul tema e stilerà la classifica delle esigenze dei commercianti che vivono e fanno vivere le zone periferiche. L'obiettivo del distretto va oltre il semplice rimborso delle spese effettuate dai privati per rinnovare i propri negozi e l'assessore Castiglioni lo sottolinea: «Grazie a questa importante sinergia interveniamo anche sui beni pubblici - conclude - abbellendo con l'arredo urbano piazze e vie. In periferia c'è molto da fare da questo punto di vista».

Intanto continuano anche ad agosto i giovedì sera con i negozi aperti in centro. Anche questa sera la città non si spegnerà alle 19,30 ma le vetrine resteranno illuminate e le porte aperte per dare la possibilità a chi non è andato in vacanza di sfogare quella sana voglia di passeggiare al fresco della sera e, perchè no, acquistare qualcosa.

 

6/08/2009

Orlando Mastrilloorlando@varesenews.it

 

 

Back

Search site

Distretto del Commercio di Busto Arsizio - Varese - Lombardia - Italia © 2010-2016 Tutti i diritti riservati.

Distretto del Commercio di Busto Arsizio - Varese - Lombardia